WIFI 6 DI TENDA QUALE SCEGLIERE

Arriva la nuova certificazione Wi-Fi 6 per le connessioni senza fili! Tale nuovo standard apporta nuove caratteristiche che consentono di superare alla grande le performance del precedente Wi-Fi 5. Vediamo le novità, le prestazioni e cosa cambia rispetto al precedente protocollo.

  • Wi-Fi 6 è il nuovo protocollo, più veloce ed efficiente per le connessioni wireless.
  • La banda migliora di quasi 3 volte rispetto al precedente standard Wifi 5.
  • Con il nuovo standard, potrai scambiare 1,2Gb di dati al secondo.

Le differenze

GenerazioneStandardCaratteristiche
Wi-Fi 4802.11nlanciato nel 2009 – prevede fino a 300 Mbit/s in banda 2,4 e 5 Ghz
Wi-Fi 5802.11acnato nel 2013 – prevede fino a 3,5 Gbit/s in banda 5 Ghz
Wi-Fi 6802.11axfino a 9,6 Gbit/s in banda 2,4 Ghz e 5 Ghz

Wifi 6 è capace di superare le prestazioni del precedente Wifi 5 del 274%. Ciò significa poter scambiare una quantità di dati 3 volte maggiore rispetto a prima, costituendo un ottimo vantaggio e per celebrare questa novità è stata istituita la nuova certificazione Wi-Fi CERTIFIED 6™ che vedremo presto sui dispositivi cellulari ed informatici.

Vantaggi del Wifi 6

  • Velocità dei dati scambiati più elevate;
  • Maggiore capacità;
  • Migliori prestazioni in reti con molti dispositivi collegati;
  • Migliore efficienza energetica grazie al Target Wake Time.

Il Wi-Fi CERTIFIED 6 risponde soprattutto alle moderne esigenze di usi home e business: dallo streaming ad altissima definizione per finire alle applicazioni aziendali mission-critical che richiedono elevata larghezza di banda e bassa latenza, per rimanere connessi e produttivi mentre grandi quantità di dati attraversano reti di grandi dimensioni, come per esempio aeroporti e stazioni ferroviarie.

Ciò è possibile grazie alla nuova tecnologia MU-MIMO, acronimo di multiple input and multiple output, che può offrire un management migliorato della banda passante per ogni singolo dispositivo; grazie all’OFDMAOrthogonal Frequency-Division Multiple Access, si riduce la latenza delle trasmissioni di diversi dispositivi su una stessa rete.

close

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *